South Park bastone verità

South Park: quante copie ha venduto il Bastone della verità?

23 giugno 2015, In: News

Ottimi risultati per South Park: Il Bastone della Verità, il gioco prodotto da Ubisoft, disponibile, epr PC, e per console Xbox 360 e Playstation 3.  Alain Martinez, CFO di Ubisoft, ha rivelato che il videogame ha venduto 1,6 milioni di copie in tutto il mondo. Non è stata specificata la percentuale di acquisti digitali rispetto a quella del tradizionale DVD, venduto da canali retail o e-commerce. Un dato veramente interessante per il gioco, uscito nel marzo 2014. Lo avete mai provato? Si tratta di un classico gioco di ruolo, realizzato prendendo spunto dalla serie televisiva animata South Park, sviluppato da Obsidian Entertainment – nota per i giochi Georgia – Alpha Protocol,  Neverwinter Nights 2: Storm of Zehir e il recentissimo Pillars of Eternity  – che ha acquistato i diritti dal fallimento del noto sviluppatore THQ nel gennaio 2013.

Il personaggio che il giocatore dovrà gestire è  il “Novellino”,  un nuovo abitante della cittadina di South Park. Il ragazzo non parla, e si immagina che abbia avuto una vita difficile. Deve cercare nuovi amici nella sua nuova città. Il primo sarà un vicino di casa, Butters, che gli farà conoscere il KKK  – Kastello di Koopa Keep – dove abita colui che si fa chiamare il “Re Mago“, ovvero Cartman, che lo coinvolgerà in una guerra continua tra esseri umani ed elfi, per ottenere l’oggetto che dà il nome al gioco: il potente Bastone della Verità.

South Park è un gioco che ha avuto le stesse vicissitudini della serie TV riguardo alla censura. La serie è considerata molto spregiudicata, ed è stata censurata più volte negli Stati Uniti a causa del linguaggio utilizzato, e di contenuti, giudicati da alcuni movimenti religiosi come offensivi ed anti americani. Anche in Italia la rete Italia 1 ha dovuto doppiare due volte alcune puntate.

Il videogioco ha subito la stessa sorte in Italia: sono state censurate alcune parti, tra i quali due mini giochi che trattavano il tema dell’aborto, altre scene con sex toys o scene di sesso esplicito. In Germania sono state assoggettate a censura le parti che rappresentavano simboli nazisti, quali svastiche ecc.

Lascia un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articoli Recenti

orange-is-the-new-black
6 dicembre 2016
westworld
true-blood
the-crown
3 dicembre 2016
sherlock
divorce
game-of-thrones
30 novembre 2016
supergirl
29 novembre 2016
greys-anatomy
28 novembre 2016