SCANDAL - ABC's "Scandal" stars Jeff Perry as Cyrus Beene, Joshua Malina as David Rosen, Darby Stanchfield as Abby Whelan, Portia de Rossi as Elizabeth North, Tony Goldwyn as President Fitzgerald Grant, Kerry Washington as Olivia Pope, Bellamy Young as Mellie Grant, Scott Foley as Jake Ballard, Katie Lowes as Quinn Perkins, Cornelius Smith Jr. as Marcus Walker and Guillermo Diaz as Huck. (ABC/Craig Sjodin/Lori Epstein)

Scandal: i buoni motivi per cui riguardarla

22 giugno 2016, In: News

Dallo scorso 17 giugno, Rai 4 ha ricominciato a trasmettere gli episodi della prima stagione di Scandal, perché non rigettarcisi a capofitto?
Avvicinarsi di nuovo alle origini delle vicende di Olivia Pope e fare un piccolo ripasso non può di certo guastare, anche se siamo ormai arrivati a una quinta stagione che sta assumendo dei toni davvero surreali.

Lo scorso anno Rai 4 aveva già tentato, con scarso successo, di promuovere il rewatch di Scandal e quest’anno ci riprova mandando in onda un episodio al giorno nella fascia preserale.

Tutto è cominciato, come ovvio, con la trasmissione del pilot della serie in cui Olivia si presenta assieme alla sua squadra dei gladiatori in doppietto.
A fare da voce narrante è una Quinn Perkins ancora ignara di ciò che la aspetta, quasi fosse anche lei una spettatrice.

Nessuna altra serie al mondo (fatta eccezione, forse, per House of Cards o Madame Secretary) è stata in grado di rendere la fantapolitica così interessante, catapultandola sul piccolo schermo.
In Scandal, poi, troviamo lo zampino dell’infallibile Shonda Rhimes, in grado di mescolare i vari generi tra loro passando dal legal al thriller, al noir, fino a toccare il drama puro sfiorando anche la soap opera: tutto questo in maniera brillante e senza soluzione di continuità.
La serie tv si contraddistingue anche per il carattere unico dei suoi dialoghi, che sono infarciti di piccole lezioni di politica americana, ma celano anche pillole di cultura pop a stelle e strisce; da Scandal si può capire un po’ più da vicino come gli USA considerino la propria potenza in relazione al mondo, la loro ottica cinica e ultracapitalistica, il loro patriottismo a tratti esasperato e malato, il loro atteggiamento imperialistico e la loro visione basata sul successo del singolo.

In buona sostanza, Scandal sa interpretare il conflitto tra il Bene e il Male tramite le storie dei suoi personaggi.
Se poi la politica non fa per voi, scommettiamo che vi appassionerete al triangolo amoroso che vede protagonisti Olivia Pope, Fitzgerald Grant e Jake Ballard.

Lascia un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articoli Recenti

una-mamma-per-amica
9 dicembre 2016
the-vampire-diaries
8 dicembre 2016
braccialetti-rossi
7 dicembre 2016
orange-is-the-new-black
6 dicembre 2016
westworld
true-blood
the-crown
3 dicembre 2016
sherlock
divorce