lukecage1280jpg-544755_1280w

Luke Cage: la nostra recensione

4 ottobre 2016, In: News

Lo scorso 30 settembre la serie Luke Cage è sbarcata su Netflix.
La piattaforma di streaming online più famosa del mondo si arricchisce quindi di un altro prodotto targato Marvel e la schiera dei supereroi si fa sempre più numerosa.

Luke Cage è un personaggio creato da Archie Goodwin e John Romita Sr. e vanta il primato di essere il primo supereroe di colore al quale è stata dedicata una testata personale.
La storia cartacea di Luke Cage arriva in edicola dagli anni Ottanta in poi, andandosi infine a eclissare nella seconda metà degli anni Novanta, quando Marvel preferì tramutarlo in un personaggio ricorrente in altre serie come Daredevil, New Avengers e Alias.
Da quest’ultima avrebbe poi tratto linfa vitale la serie tv Jessica Jones.
In diverse puntate del telefilm dedicato alle vicende di questa eroina a capo di un’agenzia investigativa ha fatto capolino il personaggio di Mike Colter, questo barista sexy e di poche parole che ha alle spalle un passato da carcerato.
Qual è la sua particolarità? Una pelle infrangibile che si accompagna alla grande determinazione e forza di chi ha vissuto dei tempi duri.

Ora che una produzione televisiva gli è stata interamente dedicata, in molti si sono chiesti se Luke Cage fosse stato davvero pronto al grande salto da comparsa a protagonista principale.
Anche questa figura ha, come tutti quelli dell’universo Marvel, un potenziale narrativo, il problema è come gli autori siano riusciti a tirarlo fuori e svilupparlo.
Sarà riuscito Cheo Hodari Coker a trovare la chiave per rendere la serie su Luke Cage interessante quanto quelle dei Defenders precedenti?
A noi è sembrato che questo non sia successo, almeno per quanto concerne l’esordio, infatti, l’entusiasmo che Luke Cage trasmette è minore rispetto a quello dei suoi “colleghi”.

Di certo il telefilm ha un valore aggiunto grazie alle magistrali interpretazioni degli attori, in particolar modo quella di Mahershala Ali che veste i panni di Cottonmouth.
In ogni caso, però, anche se Luke Cage regge, quello della serie è un equilibrio ancora piuttosto precario.
Speriamo che, proprio come in Agents of SHIELD, la seconda stagione ci riveli maggiori sorprese e ci faccia cambiare idea.

Lascia un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articoli Recenti

solo
10 dicembre 2016
una-mamma-per-amica
9 dicembre 2016
the-vampire-diaries
8 dicembre 2016
braccialetti-rossi
7 dicembre 2016
orange-is-the-new-black
6 dicembre 2016
westworld
true-blood
the-crown
3 dicembre 2016
sherlock