SUPERCAR

Il mito di Supercar supera gli anni ‘80

8 luglio 2015, In: News

I ricordi delle generazioni da poco entrate nel mondo degli adulti sono certamente imperniati, in ambito televisivo, dalle sigle e dai personaggi delle SERIE TV più famose degli anni ottanta.
Colori ancora non nitidissimi e trame lineari contraddistinguevano quei prodotti televisivi ancora molto lontani dalla complessità di molte saghe odierne.
Tanto bastava però per un pubblico di affezionatissimi che il più delle volte riusciva a godersele durante le mattinate passate a letto con la febbre, unico motivo ammesso per saltare la scuola, oppure nel pomeriggio una volta fatti i compiti. Tra le SERIE più amate abbiamo i classici statunitensi come Hazzard (leggendari gli inseguimenti senza sosta tra i cugini Duke e lo Sceriffo Rosco) oppure l’A-Team (una banda di latitanti al servizio dei più deboli); ma non solo.
Anche molte produzioni italiane hanno fatto la storia di quegli anni; basti pensare ai Ragazzi della 3C che hanno saputo lasciare nell’immaginario collettivo ricordi indelebili come i personaggi che vi erano rappresentati: dal mammone al pluriripetente fino al secchione di turno.
Non possiamo tralasciare, in questo viaggio a ritroso nel tempo, due grandi classici come McGyver, divenuto un vero e proprio simbolo di chi ha sempre una soluzione pronta a risolvere problemi apparentemente insuperabili, e Supercar.
Quest’ultimo ha fatto sognare bambini e ragazzi grazie a KITT, l’auto completamente automatizzata e guidata da un’intelligenza artificiale che riusciva a parlare con il conducente.
Il conducente era Michael Knight, interpretato da un giovane David Hasselhoff che, per questa partecipazione vinse anche un People’s Chioce Awards nel 1983.
Michael Arthur Long, in mano ad una banda di criminali, viene salvato dalle industrie Knight ed in seguito a questo evento decide di cambiare completamente la sua vita assumendo il nome di Michael Knigth e mettendosi alla guida di una macchina del gruppo: appunto la Knight Industries Two Thousand (acronimo: KITT).
Così comincia la sua lunga battaglia dalla parte del bene e contro le forze del male. Un duello lungo 90 episodi e terminato, senza preavviso, in seguito alla quarta stagione.
Recentemente il canale NBC aveva proposto un sequel intitolato Knight Rider ma ha avuto vita molto più breve dell’originale targato anni ottanta.

Lascia un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Articoli Recenti

the-vampire-diaries
8 dicembre 2016
braccialetti-rossi
7 dicembre 2016
orange-is-the-new-black
6 dicembre 2016
westworld
true-blood
the-crown
3 dicembre 2016
sherlock
divorce
game-of-thrones
30 novembre 2016